Sunday, November 11, 2012

Perché leggo libri per ragazzi - On why I read YA




Non pensavo di scrivere un post personale, ma alcuni discorsi che mi sono stati fatti ultimamente mi hanno spinto in questa direzione (o più che altro sto tentando di evitare di lanciare qualche oggetto contundente verso certe persone). Amici lettori, blogger, follower, vi è mai capitato di rispondere alla domanda 'perché leggi libri young adult?'

*momento di doveroso silenzio per riflettere sulla domanda stupida*

Purtroppo a me sì. Dico purtroppo, perché questa categoria letteraria è oggetto di così tanti pregiudizi e critiche che sinceramente sta cominciando a essere irritante. Nessuno che mi domanda mai perché leggo thriller, narrativa contemporanea, fantasy, horror, storie d'amore. NO! È la categoria dei 'libri per ragazzi' che provoca tante discussioni, almeno tra i miei conoscenti (e forse è il caso di disconoscerli).
Questo è un esempio di conversazione che ho recentemente avuto. Vi prego di immaginare me con la seguente espressione: occhi spalancati e sguardo spiritato, mani che prudevano, istinto a lanciare il libro che avevo in mano (povero, innocente libro). 


*Doctor Who, aiutami tu*

A: Quindi tu leggi quei romanzi per ragazzi?
Io: Sì, tra le altre cose sì.
A: Eh, beh, quelli sono stupidi, non è che ci vuole molto. Capirai, li scrivono tutti!
Io: Ma, veramente...
A (che mi interrompe prima che io possa ribattere): La vera letteratura è tutto altro genere! Pensa a un DeLillo, a Murakami a Eco oppure ai grandi scrittori classici tipo Steinbeck. Sono capaci tutti a leggere romanzetti, ma di questi che mi dici, eh?
Io: Li ho letti.
A: Ma dai, ora non dire cavolate.
Io: Li ho letti. Ho letto tutti quelli che hai citato e molti altri ancora. Mi sono sorbita Proust, sono sopravvissuta a Joyce, ho litigato con la Woolf, mi incontro a più riprese con Roth e mi sono letta Milton. E sì, mi piacciono gli young adult.
A (faccia stupita): Ma… perché? Quella roba lì [ovvero i romanzi young adult] non ha senso.

Sinceramente non ho mai pensato che leggere young adult precludesse la lettura di altre categorie. Mi reputo una lettrice onnivora, amo thriller, romanzi chick-lit, grandi classici, fantasy e chi più ne ha più ne metta. Tuttavia, non so per quale motivo, la gente rimane sempre un po' stupita quando dico con un bel sorriso che sì, leggo romanzi young adult, che sì, molti mi piacciono e che sì, ci ho addirittura aperto un blog e vorrei lavorare in quell'ambito. Secondo me se dicevo di voler diventare una velina mi avrebbero fatto meno domande.

Tenterò comunque di rispondere alla domanda 'perché leggo young adult'. Oltre alla classica, irritata risposta che sarebbe 'ma saranno un po' fatti miei' che, visto che sono una persona civile ed educata mi astengo dal proferire, le ragioni sono molteplici.
Amo i libri per ragazzi. Amo i libri per bambini, per ragazzi, per adolescenti, per i più grandi e per i piccini. No, non mi piacciono, li amo proprio. Perché a me questi libri hanno salvato la vita, mi hanno fatto compagnia in periodi bui quando magari gli amici non c'erano, mi hanno regalato interi mondi, fantastiche avventure e ho conosciuto personaggi eccezionali. E proprio grazie a questi libri ho fatto amicizie meravigliose anche nel mondo reale. 

Non mi vergogno a dire che leggo young adult o libri per ragazzi, non vedo perché dovrei. La letteratura per ragazzi è IMPORTANTE: Se questi libri riescono a far amare la lettura, perché criticarli? Come in ogni genere, ci sono libri belli, anzi meravigliosi, e libri di cui magari si poteva fare a meno. Non vorrete mica dirmi che tutti i libri che avete letto da grandi sono stupendi? Tutti i libri per adulti sono scritti bene, hanno una storia travolgente e originale, vi hanno colpito in maniera indelebile? No, vero? La stessa cosa vale per i libri per ragazzi. Vorrei anche puntualizzare che NON tutti i libri di questa categoria parlano di vampiri, licantropi o angeli e che anche dietro quelle storie c'è molto di più di quello che si crede. Ci sono ragazzi che affrontano le loro paure, che si confrontano con situazioni difficili, che affrontano la vita e tentano di trovare la loro identità in un mondo sempre più difficile. 

Ricordo perfettamente la gioia primordiale che ho provato quando per la prima volta ho letto Il giardino segreto, la sensazione di essere completamente dentro una storia così bella e coinvolgente. Non sono in grado di descrivere quello che per me è stato Harry Potter, perché in qualche modo ha influenzato le mie scelte lavorative e perché ancora adesso, a distanza di più di una decade, quei libri continuano a essere la mia scelta preferita quando sono giù di morale o scoraggiata, come la copertina di Linus. È grazie a quei libri se sono diventata una lettrice accanita e onnivora, se ho avuto momenti di pura felicità e se, anche durante nei periodi più difficili, non mi sono mai sentita sola.

Questi libri mi hanno regalato tanta gioia, hanno fatto sì che la mia immaginazione potesse volare, mi hanno fatto compagnia, mi hanno accompagnata nel mio percorso di crescita e lo continueranno a fare. 

Perciò, sì, leggo young adult e leggo libri per ragazzi. Lo faccio e lo continuerò a fare, perché sono importanti, perché parlano al cuore dei ragazzi (e non solo a loro), perché grazie a questi ho conosciuto persone fantastiche, autrici meravigliose e ho avuto in regalo emozioni insostituibili. Continuerò sempre a promuovere quello in cui credo. Che alla gente piaccia o meno.


I really didn't think about writing a personal post, but some things I was told lately made me changed my mind (I am actually trying to avoid throwing random heavy things at certain people). Friends, readers, bloggers, followers, have you ever had to answer the question 'why do you read young adult books?'

*please, be silent for a moment in order to think about this stupid question*

Unfortunately, I had to. I'm saying 'unfortunately' because the young adult category has been highly criticized and there are so many prejudices on those books that it's getting really irritating. I've never been asked why I read thrillers, contemporary novels, fantasy, horrors, chick-lit. NO! However, when I say I read young adult and kid books then friends have to point me out how bad it is (I should start considering about not calling them friends anymore).

This is just an example of a recent conversation. Please, imagine me with the following facial expression: widened eyes, hands itching to punch something, instinct telling me to throw the book I had in my hand at the person in front of me (poor, innocent book).


*please Doctor Who, help me*

A: So you read those things for kids?
Me: Yeah, among other things, yes I do.
A: Ah, but, well, they are stupid, doesn't take that much to read them. You know, everybody can write one of those.
Me: But, actually…
A: (interrupting me before I can reply) Real literature is another thing! Think about DeLillo, Murakami, Eco or great writers like Steinbeck. Everybody can write a crappy book for kids, but what about good books?
Me: I read all the authors you mentioned.
A: C'mon, that's not true.
Me: I did. I read them and I read many others, too. I suffered over Proust, I survived Joyce, I fought with Woolf, I often go back to Roth and I read Milton. And I love young adult and kid books.
A (with stunned face): but… why? Those books have no sense.

I sincerely never thought that reading young adult books would prevent me from reading other things, too. I consider myself an eclectic reader; I read almost anything I can get my hands on and it has always been like this. However, for some weird some reasons, people get very surprised when I said, with my biggest smile, that yes, I read young adult books, that yes, I like many of them and that yes, I even decided to blog about them and would love to work in the children publishing industry. Probably if I had said I wanted to be some kind of showgirl, I would have attracted less attention.

Anyway, I'll try to answer the question 'why I read young adult and kid books'. Beside my standard and annoyed answer that would sounds much like this 'that is my business', but which I try not to say out loud as I am a civilized and polite person, I think there are various reasons. 

I am not ashamed to say I read young adult and kid books. I don't see why I should. Kid lit is IMPORTANT. If these books can let kid love reading and books, why criticize them? As in adult books, there are good books, awesome books, and books that I could frankly do without. But are you going to tell me that every single book you read as an adult was good? Did they all have good writing, a compelling and original story and stay with you way after you finished reading them? No, right? Same goes for young adult and kid books.I'd also like to say that NOT all young adult books are about vampires, werewolves or angels and even behind those stories there is so much more than you may think. There are kids facing fears and bad situations, facing life and struggling to find an indentity in an incresingly difficult world. 


I perfectly remember the very first time I picked up The secret garden, the feeling I had, like I completely entered the story. I couldn't stop reading. I was there with the characters. I cannot describe for the life of me what Harry Potter series meant to me. It influenced my choices and even now, more than a decade later, those books still are my safe read when I am sad or feel tired. They are my Linus' security blanket. Those are just two examples of why and how I became a reader. They gave me happiness even in my darkest moments and I've never felt alone.

These books gave me so much joy, they let my imagination fly, kept me company and were with me all along the way from my childhood to adulthood. And they'll keep staying with me.


So, yes, I do read these books. I read them and will keep on doing it, because there are important, because they speak directly to kids' heart (and not only to them), because thanks to them I got to know awesome people, great authors and they gave me invaluable emotions. I will keep supporting what I love and what I believe in. I don't care what people think. 

28 comments:

  1. Grazie.
    Perché sembra sempre che una cosa elimini l'altra e, soprattutto, alcuni young adult sono molto belli.
    Anche io leggo di tutto, da Pirandello alla Collins, da Uhlmann alla Clare. Quindi?
    Vorrei chiedere a questa affabile persona dialogante, dato che tutti sono in grado di scrivere questo genere di libri, quanti ne ha pubblicati lei?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Esattamente! Io leggo da Patterson a Hugo passando per tutta una serie di generi, epoche e autori. E se anche leggessi solo libri per ragazzi, chi gli dà il diritto di criticarmi?

      E l'affabile persona dialogante conosce nomi di scrittori importanti, è vero, peccato che non abbia letto mezzo libro in vita sua, quindi magari faceva veramente meglio a starsene zitta!

      Delete
  2. Uno splendido post davvero! Per età, entro ancora nella fascia di lettori "giovani adulti", ma purtroppo anch'io mi sono sorbito certi discorsi. Ed è bruttissimo quando a farteli sono persone che reputi intelligenti. Come se Eco escludesse la Meyer, come se "questa musica leggera" non avesse un peso..
    E vogliamo parlare dei libri della collana "Il battello a vapore", che sono piccole perle?! :P

    ReplyDelete
    Replies
    1. Concordo in pieno! Io sono fuori fascia (dall'alto dei miei 26 anni dovrei leggere solo...cosa? la Kinsella? mah), ma amo e sostengo in tutti i modi possibili la letteratura per ragazzi e gli YA. Non è vero che sono solo 'del rumore di sottofondo'. Sono una colonna portante!

      Delete
  3. Il giardino segreto,che meraviglia!
    Io credo che chi dice queste cavolate sugli YA non hai mai letto uno.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sono d'accordo, ma a maggior ragione dovrebbe starsene in silenzio. Io non ho mai letto un libro di attualità politica (mi bastano i telegiornali, grazie), ma non è che vado in giro a dire quanto facciano schifo

      Delete
    2. che poi ci sono i classici anche tra gli YA:che dire di Il piccolo principe che ti fanno leggere anche al liceo???
      è un libro per bambini!
      E la lista è lunga:Zanna Bianca,Il mago di Oz,Pollyanna...
      questo bisogna rispondere!
      A proposito ho preso il tuo banner,spero non ti spiaccia ;)

      Delete
    3. La lista è lunghissima, tra classici e recenti!!! Sottoscrivo tutti i titoli che hai citato e aggiungerei molti altri, ma poi faccio un'enciclopedia :)

      E grazie per il banner! Io sto raccogliendo pian piano, verrò a rubare il tuo!

      Delete
  4. Lucia, a parte il fatto che sono appena diventata follower, quando in realtà pensavo di esserlo già... Chiedo venia :)

    Hai fatto benissimo a scrivere questo post e ti sostengo in pieno.
    Anzi, ho appena risposto ad un commento sul mio blog in cui non venivano attaccati solo gli YA, ma tutto quei libri che non sono classici e grande letteratura.
    Mah, certe persone dovrebbero tenersi i loro pensieri per sé, l'importante è leggere e appassionarsi alla lettura, perché qualsiasi libro fa bene alla mente e al cuore.
    Odio le persone che attaccano solo per il gusto di farlo o solo perché non apprezzano quella tale cosa.
    Brava Lucia per aver scritto queste cose, dovrebbero leggere tante persone questo post :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. E già che ci sono aggiungo che ho preso il tuo banner e l'ho messo fra i "blog amici" :)

      Delete
    2. Oddio, Alessia, GRAZIE! Parole stupende! Non pensavo di pubblicare questo post perché sinceramente l'ho scritto in un raptus e non era molto coerente, ma alla fine l'irritazione ha vinto.
      Non ci posso fare niente, sono una sostenitrice degli YA. Ovviamente ci sono bei libri e libri scritti male, non sto dicendo che sia tutto ottimo, ma sto dicendo che non si può scartare o screditare a priori questo genere. Sono felice di non essere l'unica a pensarla così

      Delete
    3. Hai fatto benissimo a pubblicaro, per fortuna hai dato ascolto al raptus :)

      Beh Lucia, i libri scritti bene o male ci sono in qualsiasi genere e anche nei classici secondo me ci sono libri migliori di altri. Dunque il problema non si pone. Credo semplicemente che ci siano persone dotate di mente aperta e di un po' più di cervello da poter apprezzare qualsiasi genere e non fossilizzarsi solo su i classici (per esempio) e magari lo fanno perché "fa figo e tanto intelligente", quando in realtà qualsiasi lettura ti apre la mente e ti insegna qualcosa.

      Delete
    4. La penso proprio così. Ognuno dovrebbe leggere quello che desidera e avere la mente aperta. Pian piano si formerà anche uno spirito critico e magari si passa anche ad altri generi.

      Mio fratello (23 anni) odiava leggere a scuola. Non leggeva nulla. Ma proprio nulla. Finiti i superiori, su mia insistenza, ha cominciato a leggere libri tipo Percy Jackson. Ora si diletta anche leggendo classici tipo Il conte di Montecristo o Se questo è un uomo, ma i libri per ragazzi gli sono rimasti nel cuore. E da lì ha cominciato. Perciò capisci perché sono una grande sostenitrice? Aprire la mente è fondamentale

      Delete
  5. Quello che a me infastidisce di più al mondo è la FACCIA/ESPRESSIONE che segue la nostra risposta alla loro domanda impicciona. E anche la successiva associazione al genere vampiri. Io non leggo SOLO vampiri.
    E poi la lettura è personale, una cosa intima che difficilmente una persona esterna può capire.
    Concludo, che me lo chiedi a fare se poi non capisci nemmeno la risposta??

    ReplyDelete
    Replies
    1. Dici bene, debs, l'associazione ai vampiri ormai è praticamente scontata. Vai a spiegargli che ci sono tutti i generi, dal fantasy al distopico, dal contemporaneo al paranormal, dal giallo all'horror, a queste persone. Io ci sto rinunciando. Sigh

      Delete
    2. Si ovviamente l'associazione successiva è VAMPIRI=TWILIGHT!
      E' una causa persa.

      Delete
    3. purtroppo sì. spero che qualcuno riesca andare oltre questa generalizzazione e vedere che ci sono tanti altri bei titoli

      Delete
  6. Io ho proprio il problema di trovare persone con cui discutere di libri. Le persone con cui parlo di libri sono le mie amiche e a loro il genere Young Adult piace. Quelli che pensano che questi siano libri non sono "facili" da scrivere, mi sa che non hanno mai provato a scrivere. Se un libro ha successo e piace al pubblico vuol dire che è scritto bene. Poi di questi ci sono libri che non sono all'altezza. Io ho letto libri classici o di altro genere (non tanti lo ammetto) però preferisco i fantasy e i thriller e se qualcuno mi dicesse che leggo cose non all'altezza gli direi che leggo ciò che suscita interesse per me che sia classici, thriller, fantasy, urban fantasy o qualsiasi altro genere.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sono d'accordo su più o meno tutto, tranne sul fatto che se un libro ha successo vuol dire che è scritto bene. Purtroppo mi è capitato di leggere dei libri assolutamente bestseller che in quanto a qualità narrativa e anche a semplice rispetto delle regole grammaticali facevano veramente pietà. Ma ognuno ha diritto alle proprie opinioni e a leggere ciò che gli piace. Mi dà solo fastidio chi giudica senza conoscere e fa delle generalizzazioni che non sono corrette

      Delete
    2. Hai ragione, ho espresso male il concetto. Quello che volevo dire è che se un libro ha successo vuol dire che il lettore ha trovato qualcosa di speciale nel libro che gliela fatto adorare. Per la fretta oggi ho scritto una cosa non vera

      Delete
    3. tranquillo, cose che capitano. E sì, concordo con te :)

      Delete
  7. Rimango senza parole… Certa gente proprio non capisce o forse piuttosto non vuole capire e si barrica dietro certi pregiudizi. Perché leggo YA? Perché mi piacciono, c'è forse qualche legge che lo vieta? (hai fatto bene a risparmiare il libro, non valeva la pena rovinarlo!!) Comunque bel post, concordo su tutto e le tue parole mi hanno fatto ripensare a tanti bei libri YA che ho letto e a quello che hanno significato per me…

    ReplyDelete
    Replies
    1. infatti a volte la gente è solo piena di pregiudizi! E poi sono la prima a sostenere che ci sono tanti libri scritti male anche tra gli YA ma ce ne sono tantissimi anche in quelli per adulti!

      Delete
  8. In una sola e semplice frase:
    <>
    La lettura deve essere apertura al mondo e alla fantasia...ok i classici sono indiscutibilmente preziosi e interessanti,ma ciò non toglie che un fantasy,un distopico o un semplice horror romance possano rappresentare un valido trampolino per la nostra fantasia e immaginazione!!!
    ;)

    ReplyDelete
    Replies
    1. frase perfetta direi!!! Ti quoto in tutto e per tutto

      Delete
  9. Ciao...ti ho trovato tramite la tua recensione di "Touching the Surface" su Goodreads...e ho pensato: "Cavolo - finalmente una fellow-reader italiana!".

    Questo post ha attirato la mia attenzione, e dall'alto (si fa per dire) dei miei...eeehm..."parecchi" anni, che mi rendono molto più "anziana" della media dei lettori di YA, mi è venuto da sorridere - visto che da tutta la vita mi trovo a difendere le cose che mi piacciono di fronte a persone che non le condividono. O più spesso, a non difenderle affatto, perché preferisco tenerle per me. Dopo tutto, gli spiriti affini si trovano solo frequentando spazi di comune interesse su Internet, come in questo caso. Per cui, nella vita reale, non parlo quasi mai delle cose che immagino gli altri non condividerebbero. Sinceramente, già mi capita così spesso di avere attacchi di bile - per il lavoro o la vita in generale - che cerco sempre di risparmiarmene altri! L'unico che conosce questo mio colpevole segreto (= libri YA) è mio marito, che di sicuro non è perfetto, ma ha il grande pregio di non aver mai criticato nessuna delle mie scelte, lasciandomi libera di essere quella che sento, dal taglio di capelli all'apertura di un blog dove discutere di libri per ragazzi...

    Perché leggo YA? Ho cominciato alla fine degli anni '90, dopo che - incuriosita dal tema - avevo acquistato "Ricordati di Me" di Christopher Pike (che anni dopo ho letto in originale). Ne rimasi molto colpita...cercai altri suoi libri...lessi le opere di qualche altro autore nella stessa collana (Ragazzi Mondadori)...finché decisi che, conoscendo bene l'inglese, era il caso di ordinare i romanzi che mi interessavano direttamente in versione originale (anche considerando il fatto che in italiano se ne traducono una minima parte). Oggi è una cosa che faccio abitualmente, almeno 2 o 3 volte l'anno (compatibilmente con il quattrino disponibile!). Sono libri che mi mettono in contatto con l'eterna adolescente che è in me. Che mi fanno vivere avventure e sogni - più spesso incubi, perché amo generi un po' "dark". Che mi fanno respirare poesia. E che non credo siano inferiori ai romanzetti rosa o porno-chic che infestano il mercato. Naturalmente, sono molto esigente coi miei libri - ultimamente compro solo quelli che mi danno la ragionevole certezza di non scendere sotto le 3 stelle di gradimento. Leggo estratti, recensioni, commenti. Anche in questo genere letterario, come in tutti gli altri, ci sono le eccellenze, le schifezze e le vie di mezzo. Oltretutto, una volta si poteva tacciare questo tipo di libri di eccessiva semplicità...ma molte cose sono cambiate da allora. Ho letto romanzi tecnicamente e poeticamente ineccepibili...dove i protagonisti avevano la sola particolarità di essere "molto" più giovani di me. Per cui, tanto per dirla all'inglese - e rivolgendomi ai nostri eventuali denigratori - "SO WHAT?!?!?!".

    Scusa per la "lungagnata" e complimenti per il blog in due lingue - deve essere una bella fatica...;)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Bellissima risposta, Roberta, e ti ringrazio di tutto cuore per questo splendido commento. Penso che tu abbia centrato pienamente il punto e non posso che trovarmi d'accordo con tutto quello che hai detto! Grazie, davvero grazie per queste parole!

      Delete
  10. Grazie a te! Ho girato un po' per il blog...mi piace molto il tuo entusiasmo. Ti sto seguendo...vieni a trovarmi se ti va :).

    ReplyDelete