Monday, May 20, 2013

The Hunt - Andrew Fukuda [The Hunt #1]


Titolo/ Title:The Hunt
Autore/ Author: Andrew Fukuda
Series: The Hunt #1
Casa Editrice/ Publisher: Castoro Edizioni (IT) / St. Martin's Griffin (US)
Published: 2013 (IT) / 2012 (US)
Pagine/ Pages: 336 (IT) / 296 (US)
Genere / Genre: young adult, dystopia, vampire
Link: Amazon.it, Amazon.com, Anobii, Goodreads, Bookdepository
Rating: 


Sommario: Non sudare. Non ridere. Non attirare l'attenzione. E soprattutto, qualunque cosa succeda, non innamorarti di una di Loro. Gene è diverso da tutti quelli che lo circondano. Non è in grado di correre come un fulmine, la luce del sole non lo ferisce, non ha un insaziabile desiderio di sangue. Gene è umano, e conosce le regole. La verità deve rimanere segreta. È l'unico modo per rimanere vivi in un mondo notturno – un mondo in cui gli umani sono considerati una prelibatezza e vengono cacciati senza tregua. Quando Gene è fra i prescelti che parteciperanno alla grande Caccia degli ultimi umani sopravvissuti, la sua vita di regole comincia a sgretolarsi – preso fra una ragazza che gli fa sentire cose che non aveva mai provato prima e uno spietato manipolo di cacciatori che sospettano sempre di più la verità sul suo conto. Ora che Gene ha finalmente trovato qualcosa per cui combattere, il suo desiderio di sopravvivere è più forte che mai. Quale tributo sarà costretto a pagare?


The Hunt è uno di quei classici libri su cui parto con molte aspettative, perché la trama mi affascina e le recensioni che mi era capitato di leggere erano state assai positive. In più stavamo parlando di un distopico che si preannunciava abbastanza innovativo, con l'elemento vampiresco che mi intrigava, nonostante non sia una grande amante dei vampiri. Insomma, ero partita con le migliori intenzioni. Volevo che questo libro mi piacesse, lo giuro! E non è che possa dire che non mi sia piaciuto per nulla, perché sarebbe una bugia, e sono abbastanza certa che leggerò il seguito, visto che il finale mi ha lasciato con il fiato sospeso.

Gene è un essere umano che vive in una società di vampiri, fingendosi uno di loro. È una vita dura, costantemente sotto copertura, fingendo di non avere alcuna reazione. Vive di notte, mangia carne al sangue, beve acqua di nascosto. Una vita difficile, ma pur sempre una vita. Fin quando arriva la Caccia, ovvero un evento in cui alcuni prescelti potranno dare sfogo ai loro istinti e cercare di catturare e mangiare degli uomini, carne prelibatissima. Gene è tra i sorteggiati e questo mette a rischio il suo anonimato… e il tutto viene complicato da Ashley June, che non è proprio chi sembra essere…

Se dovessi elencare il motivo esatto per cui non mi è piaciuto non ne sarei in grado; direi che è stato un insieme di fattori. Per le prime 100 pagine ho faticato a entrare nel ritmo narrativo, che per me è stato troppo lento; inoltre non sono riuscita a trovare un vero 'feeling' con i personaggi, nessuno mi ha colpito in modo particolare o mi ha affascinato e questo sicuramente ha pregiudicato la mia lettura. Inoltre, credo di aver trovato il world building leggermente poco credibile; una società di vampiri in cui due umani riescono a non farsi scoprire per così tanto tempo? In cui due adolescenti riescono a nascondere ogni minima reazione, dal sudare all'arrossire? DAVVERO? *SPOILER* E una di queste è una ragazza… come diavolo fa quando ha il ciclo? E se è caldo/freddo e ha un brivido? Scusate, ma sono domande lecite. Tenere sotto controllo le reazioni è possibile, ma non tutte e non del tutto! Avrei preferito qualche delucidazione in più sulla società e non averne ha fatto sì che il libro non mi convincesse. 

Il libro è comunque ben scritto e nell'ultima parte il ritmo si risolleva, lasciandoci con un finale di quelli che ti viene voglia di fare due chiacchiere con l'autore perché DEVI sapere. La scrittura è complessa e articolata e vedere gli avvenimenti attraverso gli occhi di Gene è comunque intrigante.

Mi spiace veramente tanto di non essere riuscita ad apprezzare questo libro come in molti hanno fatto, ma proprio non sono riuscita a farmi convincere dall'elemento distopico e anche i personaggi, per quanto molto ben delineati e interessanti, non mi hanno lasciato molto. Fatemi sapere se a voi convince!



Synopsis: Don’t Sweat. Don’t Laugh. Don’t draw attention to yourself. And most of all, whatever you do, do not fall in love with one of them.
Gene is different from everyone else around him. He can’t run with lightning speed, sunlight doesn’t hurt him and he doesn’t have an unquenchable lust for blood. Gene is a human, and he knows the rules. Keep the truth a secret. It’s the only way to stay alive in a world of night—a world where humans are considered a delicacy and hunted for their blood.
When he’s chosen for a once in a lifetime opportunity to hunt the last remaining humans, Gene’s carefully constructed life begins to crumble around him. He’s thrust into the path of a girl who makes him feel things he never thought possible—and into a ruthless pack of hunters whose suspicions about his true nature are growing. Now that Gene has finally found something worth fighting for, his need to survive is stronger than ever—but is it worth the cost of his humanity?


I had great expectations for The Hunt because when I read the plot I immediately thought it was really fascinating and I've been reading glowing reviews. And we are talking about a distopic novel, a pretty innovative one, with the vampire element which kind of intrigued me even if I am not the biggest vampire fan out there. Anyway, I had the best intentions. I wanted to like this book, I swear. And I cannot really say I didn't like the book at all because that would be a lie. I'm pretty sure I'm going to pick up book #2 because that ending was too much of a cliffhanger to NOT know how it goes on.

Gene is a human being who lives in a vampire society, acting like one of them. It's a pretty hard life, always under cover, pretending he has no reaction. He lives at night like vampires do, he eats meat and drink water when no one sees him. A difficult way to live, but a life nonetheless. Then The Hunt is announced and some vampires will have the chance to hunt down hepers, humans, and eat their delicious meat. Gene is among the chosen ones and this is a great risk for his hidden identity… and everything gets even more complicated by Ashley June, who's not really who she seems to be…

If I had to pin down the exact reason why I didn't like it I'm not so sure I could; I would say it was a mix of different things. I had trouble with the slow pace of the narration for the first 100 pages because it was way too slow (or maybe it was only me); I couldn't really connect with any of the characters and I wasn't really interested in any of them, there was no feeling and this certainly impacted my reading. Also, I found the world building to lack credibility; how am I supposed to believe that two humans could live in a vampire society without being caught? Two teenagers can really hide every single emotion and reaction, from blushing to swearing? Are you serious? REALLY? *SPOILER ALERT* And one of them is a girl… Pardon me, but this girl once a month may have to deal with a problem… and what about hot or cold weather and shivering? Sorry, this thing just kept bugging me and there was no answer given. I would have liked to know way more about the society.

However, the book is well-written, I cannot deny that, and the pace picks up in the last 50 pages or so, with an ending that makes you want to talk with the author just because you MUST know what happens. The writing is articulate and engaging and Gene's POV is really intriguing. Loved that.

I'm really disappointed for not having liked this as much as I wanted to, but I couldn't get into the dystopic element and the characters, even though they are perfectly described, fell a bit flat for me. Let me know your thoughts on this!


3 comments:

  1. Lucy naturalmente ti farò sapere, non appena mi arriva. L'ho ordinato da una settimana ma il pacco non è ancora partito:( solite storie, lasciamo perdere... per quanto riguarda la tua delusione, ti posso capire! Mi è capitato tantissime volte di non riuscire ad apprezzare romanzi molto amati da altri, anche di genere distopico, che tra l'altro adoro (vedi Starters, Across the Universe...)Non ci possiamo far nulla, ma un romanzo per essere apprezzato al 100% deve avere tante qualità, secondo me, non solo una trama intrigante...;) Un bacio!

    ReplyDelete
  2. Ho finito da poco le 50 pagine che mi mancavano :) in effetti l'ultima frase è proprio da infarto o quasi! Ero tipo così O_O Confermo che nle finale si riprende! Non eccellente e comunque molto manchevole nella costruzione della società! Leggerò anche io il seguito ^^

    *SPOILER* ma sai che quella cosa di Ashley June me la sono chiesta anche io?? O.o

    ReplyDelete
    Replies
    1. Oh, CHE BELLO sentirtelo dire. Personalmente non sono riuscita a 'entrare' nel libro e quindi non me lo sono goduto e poi, come dici te, è manchevole nella costruzione della società. Ma quella frase finale...

      Delete