Tuesday, June 25, 2013

Noi siamo infinito (The perks of being a wallflower) - Stephen Chbosky



Titolo/ Title: Noi siamo infinito / The perks of being a wallflower
Autore/ Author: Stephen Chbosky
Series: -
Casa Editrice/ Publisher: Sperling & Kupfer / Simon Shuster
Published: 2006-2013 (IT) / 1999 (US) 
Pagine/ Pages: 272 (IT) / 213 (US)
Genere / Genre: young adult, contemporary
Link: Amazon.it, Amazon.com, Anobii, Goodreads, Bookdepository
Rating: 


Sommario: Fra un tema su Kerouac e uno sul Giovane Holden, tra una citazione da L'attimo fuggente e una canzone degli Smiths, scorrono i giorni di un adolescente per niente ordinario. L'ingresso nelle scuole superiori lo lancia in un vortice di prime volte: la prima festa, la prima rissa, il primo amore - per la bellissima ragazza con gli occhi verdi che quando lo guarda fa tremare il mondo. Il primo bacio, e lei gli dice: per te sono troppo grande, però possiamo essere amici.
Per compensare, Charlie trova una che non gli piace e parla troppo: a sedici anni fa il primo sesso, e non sa neanche perché. Allora lui, più portato alla riflessione che all'azione, affida emozioni, trasgressioni e turbamenti a una lunga serie di lettere indirizzate a un amico, al quale racconta ciò che vive, che sente, che ha intorno.
Dotato di un'innata gentilezza d'animo e di un dono speciale per la poesia, il ragazzo è il confidente perfetto di tutti, quello che non dimentica mai un compleanno, quello che non tradisce mai e poi mai un segreto. Peccato che quello più grande, fosco e lontano, sia nascosto proprio dentro di lui.

"OK, questa è la mia vita. E desidero che tu sappia che sono felice e triste al tempo stesso e che sto ancora cercando di capire come ciò sia possibile"

Noi siamo infinito, ovvero la recensione più sconclusionata che farò. Premetto che non sono più adolescente (da un bel pezzetto ormai) e che quindi ho ben poco da spartire con i protagonisti del libro, alle prese con tutti i problemi e i turbamenti di quest'età così complessa.

Tuttavia… non ho potuto fare a meno che amare ogni parola, ogni pagina, ogni situazione. Noi siamo infinito, ripubblicato quest'anno in occasione dell'uscita dell'omonimo film (il libro apparve in Italia per la prima volta con il titolo di Ragazzo da parete, traduzione più vicina all'originale, The perks of being a wallflower), non è un libro semplice, né dal classico lieto fine. Non è un libro scontato, con una storia d'amore tormentata e un triangolo amoroso. È un romanzo complesso, che tratta in modo molto schietto temi e argomenti vicini agli adolescenti: amicizia, amore, sesso, droga, aspettative, paura del futuro. Li tratta con un linguaggio che non è accondiscendente, non è complesso, non è banale. La voce del protagonista, a mio parere, è perfettamente credibile e la narrazione in prima persona, che a tratti può sembrare distaccata, in realtà rispecchia le emozioni e i pensieri di Charlie in maniera magistrale.

La storia di Charlie è la storia di molti adolescenti: fa amicizia con due ragazzi più grandi, Sam e Patrick, si trova per la prima volta a confrontarsi con sbronze, feste, i primi approcci con le ragazze e le prime esperienze sessuali. È un ragazzo confuso, in preda ai dubbi e molto portato per l'introspezione e, in forma di lettera, Charlie ci racconta i suoi pensieri, i suoi sentimenti, tutto quello che fa e che vorrebbe fare, quello che fa senza sapere perché, fino a una sconvolgente rivelazione finale che ci fa capire tanto della sua personalità e che, benché vagamente accennata, lascia comunque sconcertati e allibiti.

Su questo libro è stato detto di tutto e di più e il mio parere non aggiunge nulla al piccolo capolavoro di Noi siamo infinito. Le emozioni che a volte sono racchiuse nelle parole di Charlie fanno breccia nel cuore degli adolescenti (e non solo) e sono così immediate e disarmanti che non ho potuto fare a meno di adorare questa storia, questo libro, questo personaggio. I protagonisti sono tutti particolarmente realistici, pieni di difetti, di luci e di ombre. Non c'è romanticismo, quanto piuttosto una visione della realtà con cui è molto più facile relazionarsi. Nonostante siano passati più di dieci anni da quando avevo l'età di Charlie, questo libro è stato una lettura coinvolgente e meravigliosa.


Assolutamente consigliata. 


La frase che mi ha colpito:


"Ognuno di noi accetta l'amore che pensa di meritare"


"In quel momento, ti giuro, ci siamo sentiti infiniti". 




Synopsis: Charlie is a freshman.
And while he's not the biggest geek in the school, he is by no means popular. Shy, introspective, intelligent beyond his years yet socially awkward, he is a wallflower, caught between trying to live his life and trying to run from it.
Charlie is attempting to navigate his way through uncharted territory: the world of first dates and mix tapes, family dramas and new friends; the world of sex, drugs, and The Rocky Horror Picture Show, when all one requires is that perfect song on that perfect drive to feel infinite. But he can't stay on the sideline forever. Standing on the fringes of life offers a unique perspective. But there comes a time to see what it looks like from the dance floor.
The Perks of Being a Wallflower is a deeply affecting coming-of-age story that will spirit you back to those wild and poignant roller-coaster days known as growing up.

The perks of being a wallflower, or my worst review so far. Sometimes you just cannot convey how much a book gave you, how much you loved it. I admit that I'm not a teenager anymore (haven't been a teen for the last… few years) so I really can't relate to the protagonists of the book, dealing with the problems of such a problematic age.

Hovewer… I couldn't help but love every single word, every single page, every single scene. The perks of being a wallflower (re-edited in Italy thanks to the movie) is not a simple book and does not have the 'happily ever after' ending that many novels have. It's not predictable, does not have a love story like the one you would expect or a love triangle. It's a complex novel, dealing with such a honest and straightforward way issues that many teenagers can relate to: love, friendship, sex, drugs, fear of the change, expectations. It does that not using a patronizing language or a simple one, but through Charlie's voice, which is incredibly powerful and believable, reflecting with absolute perfection Charlie's thoughts.

Charlie's story is similar to that on many teenagers: he has two older friends, Sam and Patrick and for the first time, he has to face hangovers, parties, the first approaches to girls and his first sexual experiences. He's confused and feels like he doesn't belong and, through letters, he tells us his thoughts, his feelings, everything he does and would like to does, everything he does without really knowing why till a shocking final revelation that, although slightly hinted, leaves you speechless.


I have nothing to add to the tons of words used to describe this little, precious book. The emotions pouring out of Charlie's words go straight to the heart and are so immediate and disarming that made me love this story, this book, this protagonist. All the characters are wonderful, made of lights and shadows, so real and well-depicted. There is no romanticism, but a take on reality that I find much easier to relate to. Even if I was a teenager a while ago, this book was so engaging and captivating that I would recommend it to everybody. 
  
My favourite quote:


"We accept the love we think we deserve"


"In that moment, I swear we were infinite"

3 comments:

  1. Bellissimo libro! *-* Mi è piaciuto davvero tanto :) Concordo con il tuo punto di vista e con le quotes che hai scelto! ^_^
    A presto!

    ReplyDelete
  2. voglio leggerlo voglio leggerlo voglio leggerlo voglio leggerlo *____________*

    ReplyDelete